CHI SIAMO | LO STUDIO | LO STAFF | DOVE SIAMO | CIRCOLARI | RASSEGNA STAMPA FISCALE | NEWSLETTER FISCALE | SCADENZE FISCALI | CONTATTI
Torna alla Home Page
it | en
NOVITÀ FISCALI


Istituzione dei codici tributo per il versamento delle somme dovute a titolo di indennità di mora e interessi sull’imposta di consumo sui prodotti succedanei dei prodotti da fumo
L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 86/E del 15 ottobre 2019, ha istituito i codici tributo per il versamento, tramite modello F24 Accise, delle somme dovute a titolo di indennità di mora e interessi sull’imposta di consumo sui prodotti succedanei dei prodotti da fumo. I nuovi codici tributo sono: ‘5467’ denominato ‘Imposta di consumo prodotti succedanei dei prodotti da fumo – indennità di mora - articolo 7, comma 4, decreto ministeriale 29 dicembre 2014’; ‘5468’ denominato ‘Imposta di consumo prodotti succedanei dei prodotti da fumo – interessi sul ritardato pagamento – articolo 7, comma 4, decreto ministeriale 29 dicembre 2014’.
(Vedi risoluzione n. 86 del 2019)
Ridenominazione dei codici tributo ‘2839’, ‘2840’, ‘2841’, ‘2842’, ‘2843’ e ‘2844’
L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 87/E del 16 ottobre 2019, ha ridenominato i codici tributo istituiti con la risoluzione n. 50/E del 15 febbraio 2008, per consentire il versamento, tramite il modello F24 Accise, dell’accisa sui tabacchi lavorati immessi in consumo nella Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, per la quota di spettanza della Regione medesima. Al fine di tenere conto della nuova quota di compartecipazione della Regione al gettito dell’accisa in argomento (5,91 decimi), con la presente risoluzione l’Agenzia delle Entrate ridenomina i codici ‘2839’, ‘2840’, ‘2841’, ‘2842’, ‘2843’ e ‘2844’.
(Vedi risoluzione n. 87 del 2019)
Forum nazionale del Terzo settore
L'Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 89/E del 25 ottobre 2019, risponde al Forum Nazionale del Terzo settore che chiedeva di conoscere se un ente iscritto in uno dei registri previsti dal Codice del terzo settore che non ha proceduto all'adeguamento del proprio statuto alle disposizioni inderogabili contenute nel medesimo Codice, possa continuare – fino all'entrata in funzione del Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (Runts) – ad applicare le disposizioni fiscali previgenti in materia di Onlus, Oorganizzazioni di volontariato (Odv) e Associazioni di promozione sociale (Aps). Anche alla luce di quanto precisato dal ministero del Lavoro la circolare ritiene che un ente iscritto nel registro delle Odv o in quello delle Aps possa continuare ad applicare le disposizioni fiscali discendenti dalle rispettive normative sempre che sia in possesso dei requisiti formali e sostanziali previsti dalle leggi di settore, fino al termine di cui al comma 2, dell'articolo 104 del Codice anche nel caso in cui non proceda ad adeguare lo statuto entro il nuovo termine (prorogato) del 30 giugno 2020. Parimenti, un ente iscritto all'Anagrafe delle Onlus può continuare ad applicare le disposizioni fiscali rispettivamente previste sempre che sia in possesso dei requisiti formali e sostanziali all'uopo previsti, fino al termine di cui al comma 2, dell'articolo 104 del Codice, anche nel caso in cui non proceda ad adeguare lo statuto entro il nuovo termine (prorogato) del 30 giugno 2020. Anche il decreto legge n. 148/2017, convertito nella legge n. 172/2017, conferma che le disposizioni di carattere fiscale vigenti prima della data di entrata in vigore del Codice del Terzo Settore, continuano a trovare applicazione, senza soluzione di continuità, fino a quando non saranno applicabili le nuove disposizioni fiscali previste dal Codice.
(Vedi risoluzione n. 89 del 2019)
Istituzione del codice tributo per il versamento degli interessi attivi maturati sulle somme riscosse dal concessionario, devolute all'Erario
Con la risoluzione n. 90/E del 28 ottobre 2019 l'Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo '5469' per il versamento, tramite il modello F24 Accise, degli interessi attivi maturati sulle somme riscosse dal concessionario, devolute all'Erario decorsi tre anni dalla data dell'ultima movimentazione del conto di gioco. Il suddetto codice tributo è come segue denominato: 'Interessi attivi relativi alla gestione finanziaria della raccolta di gioco a distanza'.
(Vedi risoluzione n. 90 del 2019)
Richiesta di chiarimenti in merito alla deducibilità ai fini Irap di oneri correlati a strumenti finanziari rilevanti in materia di adeguatezza patrimoniale
L'Agenzia delle Entrate dedica la risoluzione n. 91/E del 29 ottobre 2019 al corretto trattamento fiscale applicabile, ai fini Irap, alle remunerazioni degli strumenti finanziari di tipo Additional Tier 1, rilevanti in materia di adeguatezza patrimoniale, ai sensi della normativa comunitaria e delle discipline nazionali, emessi dalla banca. Lo Ias 32 qualifica una passività finanziaria ovvero uno strumento di capitale a seconda che vi sia o meno un'obbligazione contrattuale a consegnare disponibilità liquide. Lo stesso Ias 32 disciplina la classificazione dei componenti ad esso collegati. In particolare, il predetto principio prevede la rilevazione a patrimonio netto delle remunerazioni, se lo strumento finanziario è stato qualificato come strumento di capitale, ovvero la rilevazione a conto economico, qualora le remunerazioni siano collegate ad una passività finanziaria. Dal punto di vista contabile gli strumenti finanziari di tipo Additional Tier 1 sono rappresentati nel bilancio redatto secondo i principi IAS/IFRS come strumenti di equity e le relative remunerazioni come componenti del patrimonio netto. Tali strumenti finanziari alimentano la voce '130-strumenti di capitale' del passivo di stato patrimoniale e le cedole corrisposte sono conseguentemente rilevate per cassa, una volta che ne sia stato deliberato il pagamento. Ne deriva che le remunerazioni degli strumenti finanziari di tipo Additional Tier 1 non assumono rilevanza nella determinazione del valore della produzione netta rilevante ai fini Irap.
(Vedi risoluzione n. 91 del 2019)
ISA – PERIODO D'IMPOSTA 2018 – CHIARIMENTI AI QUESITI DI ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA E ORDINI PROFESSIONALI
L'Agenzia delle Entrate, nella circolare n. 20/E del 9 settembre 2019, raccoglie i chiarimenti forniti alle associazioni di categoria e agli ordini professionali in occasione di incontri e convegni sugli Indici sintetici di affidabilità fiscale svoltisi nei mesi di giugno e luglio. Il nuovo strumento che sostituisce gli studi di settore ha generato molti interrogativi da parte degli addetti ai lavori che, invano, ne hanno chiesto la disapplicazione per il periodo d'imposta 2018 o, in alternativa, l'applicazione su base volontaria. Il documento di prassi amministrativa fornisce nuove informazioni sulle modalità applicative della nuova metodologia che si sommano ai chiarimenti forniti con la circolare n. 17/E/2019. In quaranta pagine la circolare fornisce chiarimenti per macroaree: utilizzo degli Isa ai fini delle attività di analisi del rischio e selezione; cause di esclusione; segnalazioni relative agli indicatori e al funzionamento del software 'Il tuo Isa'; coefficiente individuale; compilazione dei modelli; dati delle precompilate; regime premiale; proroga versamenti; ulteriori componenti positivi. Si tratta, in sostanza, di una sorta di prontuario a cui ricorrere quando dovessero insorgere difficoltà nella determinazione del profilo di rischio, sulle imposte da corrispondere e sugli altri argomenti legati agli indici. Gli indicatori sintetici di affidabilità fiscale sono formulati con un sistema a pagella. In base ai risultati ottenuti imprenditori e professionisti ottengono un voto che va da 1 a 10. Chi ha riportato un punteggio compreso tra 6 e 7,99 non subirà controlli dal fisco che invece scattano con risultati sotto la sufficienza. In merito alle cause di esclusione la circolare ribadisce che sono esclusi dagli Isa per il periodo d'imposta 2018 i soggetti che possono usufruire del regime agevolato forfettario (legge 398/1991) e coloro che si avvalgono del nuovo regime forfettario (legge 190/2014) e di quello per l'imprenditoria giovanile. Il documento si concentra, in particolare, sulle società cooperative a mutualità prevalente, sull'affitto d'azienda, sulla cessazione dell'attività prevalente e sulla modifica dell'attività in corso d'anno per effetto dell'inizio della nuova attività. Qualora gli indicatori di anomalia evidenzino particolari criticità, i contribuenti possono modificare i dati precalcolati dopo averli verificati e procedere all'elaborazione di un nuovo Isa, ma non è possibile intervenire su tutte le variabili precalcolate. Non lo sono, ad esempio, i coefficienti individuali per la stima dei ricavi/compensi. Nei casi in cui non è possibile intervenire i contribuenti possono utilizzare il campo delle note aggiuntive per fornire giustificativi in merito ad eventuali disallineamenti. Nuovi componenti positivi: solo i contribuenti con le 'carte in regola' possono usufruire dei benefici premiali Isa 2019. Un punteggio alto garantisce l'esonero dall'apposizione del visto di conformità. Se il risultato degli Isa consente di dichiarare ulteriori componenti positivi per ottenere un punteggio pari a 10, è possibile indicare anche un importo di componenti positivi che permetta di raggiungere un valore inferiore rispetto a quello proposto dall'Isa per migliorare il proprio profilo di affidabilità e accedere al regime premiale. I contribuenti che hanno ricevuto un punteggio pari o superiore a 8 possono utilizzare in compensazione, senza dover apporre il visto di conformità, i crediti per un importo non superiore a 50mila euro annui in caso di Iva e per un importo non superiore a 20mila euro annui relativi a imposte dirette e Irap, già a partire dal giorno successivo a quello della chiusura del periodo d'imposta nel quale sono maturati, senza dover aspettare la presentazione del modello Isa.
(Vedi circolare n. 20 del 2019)


STUDIO CERTIFICATO
UNI EN ISO 9001:2008 (ISO 9001:2008)